“Corpo sano o corpo malato? Risvolti della cura”

ISCRIVITI

Incontro 26.2.19 dott. Rossi: “Per una buona educazione sessuale: guida alla famiglia”

CI TROVI QUI

ISCRIVITI

Mercatino di Natale

Graduatoria Servizio Civile

Anche quest’anno Arpa Volontariato è lieta di accogliere quattro volontari di Servizio Civile presso la propria sede.

Il progetto “Ancora insieme verso l’autonomia” si configura come una continuazione di quanto avviato nell’anno precedente, ma con lo sguardo volto a nuove prospettive d’intervento. L’idea

dell’inclusione giovanile, ad esempio, nasce dalla volontà di accogliere una parte di richieste di aiuto sempre più crescente. In linea con ciò, si considera oggi fondamentale la possibilità di espandere il bacino dell’utenza anche all’età giovanile.

Inoltre, si coglierà la possibilità d’introdurre e proporre, al fianco di quelle già presenti, nuove attività, come occasione di crescita personale e confronto. Ancora una volta, l’obiettivo principale è quello di promuovere la salute dei pazienti e del loro sistema-famiglia innalzando la loro qualità della vita e favorendo nei pazienti la creazione di una rete di relazioni funzionali.

Perseguendo questi obiettivi viene fornita al paziente l’opportunità di contrastare l’isolamento sociale, favorendo il senso di appartenenza a una comunità che possa, in futuro, fornirgli sostegno.

In particolare si possono evidenziare i seguenti sotto-obiettivi:

  • Prevenzione dei Trattamenti Sanitari Obbligatori (TSO) e riduzione dei tempi di ricovero e degenza in ospedale, con relativo sgravio di risorse economiche ed organizzative da parte del sistema sanitario nazionale.
  • Sostegno alla famiglia nell’accudimento del malato psichico grave.
  • Mantenimento e valorizzazione delle risorse psicologiche e pratiche del paziente.
  • Favorire la creazione di reti sociali, potenziare le capacità relazionali del paziente sia giovane, sia adulto per migliorare la qualità di vita, ridurre l’isolamento, il senso di paura e lo smarrimento.
  • Sostenere le attività che incoraggiano il funzionamento indipendente del paziente, mirando all’aumento del senso di autoefficacia con l’intento di ridurre il senso di insicurezza derivato dall’inserirsi all’interno di un contesto comunitario che può creare confusione e aumentare la percezione del proprio isolamento.
  • Sopperire al bisogno di conoscenza dell’ambiente reale circostante, favorendo l’arricchimento del bagaglio esperienziale dei pazienti, attraverso attività di tipo pratico all’interno del Centro Diurno e all’esterno di questo, in raccordo con altre associazioni.

Il volontario in Servizio Civile sarà inserito e guidato all'interno del Centro Diurno e, per le attività a questo connesso, in segreteria. Nella parte iniziale dovrà imparare l’organizzazione delle attività presenti presso l’Associazione e a relazionarsi, sviluppare un ascolto empatico, finalizzato all'accoglimento dei bisogni e al sostegno delle parti deficitarie dell’utente.

Nel corso del progetto verranno proposte attività idonee alle capacità dei pazienti, tali attività saranno supervisionate settimanalmente attraverso due riunioni d'équipe e due supervisioni, dove a partire dal materiale clinico presentato verranno forniti elementi specifici di teoria.

Verso la fine del progetto annuale si lavorerà insieme al volontario al saluto del centro diurno, in modo che il distacco non sia traumatico o fonte eccessiva di stress per i pazienti con cui aveva instaurato un maggior legame.

Documentazione importante e procedura per presentare domanda

NOTIZIE

Graduatoria

Colloqui 2018

SCHEDA DI SELEZIONE


In seguito un approfondimento sul progetto proposto (punto 1); la domanda di ammissione da compilare e recapitare presso l'ente entro il 28 settembre 2018 ore 18 con le seguenti tre modalità:

Le domande di partecipazione devono essere indirizzate direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto, incluse quelle inviate per posta, e devono pervenire allo stesso entro e non oltre le ore 18.00 del 28 settembre 2018 per le domande consegnate a mano, entro e non oltre le ore 23.59 per le domande consegnate mezzo PEC e raccomandata A/R.

Le domande pervenute oltre il termine stabilito non saranno in alcun modo prese in considerazione.

Possono presentare domanda i giovani dai 18 ai 29 anni non compiuti (28 anni e 364 giorni), non appartenenti ai corpi militari e alle forze di polizia, in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere cittadini italiani;
  • essere cittadini degli altri Paesi dell’Unione europea;
  • essere cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda i giovani che:

a) abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista,

b) abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di servizio civile: 

c) aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell'Ente originato da segnalazione dei volontari;

d) l’aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” e nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Voluntering Opportunities for All. 

I volontari impegnati, nel periodo di vigenza del presente bando, nei progetti per l'attuazione del Programma europero Garanzia Giovani possono presentare domanda ma, qualora fossero selezionati come idonei, potranno iniziare il Servizio Civile solo a condizione che si sia intanto naturalmente conclusa - secondo i tempi previsti e non a causa di interruzione da parte del giovane - l'esperienza di Garanzia Giovani.

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti nel bando, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni.

Non è motivo di esclusione (sanabili entro il colloquio di selezione):
1.La mancata indicazione della sede per la quale si intende concorrere 
2.Il mancato invio della fotocopia del documento di identità, ovvero la presentazione di una fotocopia di un documento di identità scaduto
3.Il mancato invio dall'autocertificazione dei titoli posseduti (ALL. 4) o del curriculum vitae (in tal caso l'ente procederà alla selezione senza tenere conto dei titoli)
4.Il mancato invio dell'informativa "Privacy" (ALL. 5) 
 
Laddove in fase di colloquio non fossero fornite le ingrazioni relative al documento di identità e all'informativa "Privacy" il candidato è escluso dalla selezione.
 
La mancata sottoscrizione e/o la presentazione della domanda (ALL. 3) fuori del citato termine è causa di esclusione dalla selezione.
 

La domanda deve essere accompagnata da:

  • Fotocopia della carta d'identità valida
  • Curriculum vitae

Documentazione:

  1. Informazioni aggiuntive sul progetto “Ancora insieme verso l’autonomia”: Progetto Ancora Insieme Verso l'Autonomia
  2. Domanda di ammissione
  3. Dichiarazione Titoli
  4. Informativa privacy

http://www.serviziocivile.gov.it/menusx/bandi/selezione-volontari/2018_bandovolordinario.aspx

Laboratorio di Disegno

“Dipingere è azione di auto scoperta. Ogni buon artista dipinge ciò che è” J. Pollock 

Il disegno è una forma d’arte che utilizza il linguaggio non verbale e che favorisce l’espressione di sé, facilitando la comunicazione e l’elaborazione dei propri vissuti emotivi. Arte deriva dal latino “ars-artis”, che significa “abilità di essere, di fare”; attraverso l’azione creativa, cioè attraverso il fare, un’immagine interna diventa immagine esterna, condivisi-bile, e comunica all’altro il proprio mondo interiore. Non è importante la qualità del pro-dotto finale, ma il processo creativo, libero e spontaneo, attraverso cui raggiungere una conoscenza più approfondita di sé. Come diceva Picasso “i colori, come i lineamenti, seguono i cambiamenti delle emozioni”: la modalità di stesura dei colori, l’utilizzo dello spazio e il tipo di tecnica utilizzate come mezzi espressivi del proprio mondo emotivo interno. 

L’obiettivo di questo laboratorio è stimolare, attraverso la creazione artistica personale, una riflessione sul proprio mondo emotivo interno, favorendone la condivisione. 

CALENDARIO

Mercoledì 14 novembre - 16.30-18.00 

Mercoledì 21 novembre - 16.30-18.00 

Mercoledì 28 novembre - 16.30-18.00 

Mercoledì 05 dicembre - 16.30-18.00 

Mercoledì 12 dicembre - 16.30-18.00 

METODOLOGIA:

Ogni incontro sarà strutturato in tre mo-menti: nello specifico, un’introduzione sull’ emozione oggetto dell’incontro, se-guita da una fase di produzione artistica e da un momento finale di condivisione e confronto. 

ISCRIZIONI E COSTI

E’ richiesto un contributo di 8€.  E’ possibile iscriversi, entro il 07 novembre, tramite: 

Mail: segreteria@arpavolontariato.it  

Telefono: 02.55191221 

I posti disponibili saranno assegnati in base alla data di presentazione della domanda.

DESTINATARI

E’ previsto un numero minimo di 2 partecipanti e un massimo di 6 Utenti del Centro Diurno Arpa ed esterni. 

Corso di Formazione: Test di Rorschach

La formazione si articola in due livelli, in base alle linee guida proposte dalla Società Italiana Rorschach per il Comprehensive System (SIRCS).

Il livello base prevede alcune riflessioni preliminari sull'utilizzo dei test proiettivi nella relazione clinica, volte a considerare possibili ambiti di applicazione, ma anche limiti e condizioni che rendono possibile un uso consapevole e deontologico di tali strumenti, con particolare riferimento dl test di Rorschach, anche sulla base dell'esperienza clinica e professionale dei partecipanti. Un inquadramento storico del proiettivo viene fornito allo scopo di poter comprendere la qualità delle informazioni diagnostiche che ne derivano ed il rigore con cui sono state indagate e verificate da un punto di vista psicometrico. Seguono una serie di lezioni su somministrazione, siglatura e stesura del sommario strutturale. Il primo livello si chiude con alcuni cenni sull'interpretazione, con riferimento ai protocolli generalmente prodotti dalla diverse categorie diagnostiche.

Il livello avanzato offre la possibilità di entrare più nel merito della parte interpretativa, fornendo elementi di lettura dei protocolli, sia in termini quantitativi e contenutistici che in base ad una considerazione pedissequa degli indici e del sommario strutturale, seguendo i raggruppamenti di cui si compone. L'intento è quello di dare gli strumenti per operare una valutazione del funzionamento psichico e poter mettere in correlazione gli aspetti emersi dal test di Rorschach con i principali quadri psicopatologici. L'apprendimento del secondo modulo prevede altresì di impostare una restituzione al paziente e di imparare a stendere una relazione clinica dettagliata e specifica, che tenga conto dell'ambito di utilizzo (clinico o peritale).

Corso Rorschach 2018

Incontro “Sentirsi ‘meno’ tra rabbia e chiusura”

13 febbraio: “Uno sguardo sull’invidia“